Palazzetto dello sport a Massa (Massa-Carrara)

Demolito il vecchio palazzetto ormai inagibile da un decennio, il Comune di Massa si appresta alla realizzazione della nuova struttura che potrà ospitare sia manifestazioni amatoriali che agonistiche.

Il progetto

Il Comune di Massa ha inserito nel piano di investimenti 2017 l’intervento relativo alla realizzazione del nuovo palazzetto dello sport,  il cui lavoro è stato appaltato la scorsa estate, con l’intento di offrire alla collettività ed alle società sportive locali un nuovo contenitore polivalente in cui poter svolgere manifestazioni sportive di base e agonistiche.
Tale decisione è supportata dal fatto che nell’intero bacino di utenza del Comune di Massa non esiste una struttura coperta che permetta l’attività sportiva sia d’estate che d’inverno.
Il progetto costituisce il completamento di un percorso iniziato nel 2016 con la demolizione del vecchio palazzetto, ormai chiuso da oltre 10 anni in quanto dichiarato inagibile per evidenti carenze di tipo strutturale.

Gli obiettivi della progettazione di una palestra polifunzionale possono essere riassunti nei seguenti parametri:
– flessibilità per ottenere uno spazio adattabile ad esigenze e modi di utilizzo diversi, e tendere ad una fruizione del sistema edilizio “a tempo pieno”;
– contenimento dei costi di gestione, attraverso un dimensionamento ottimale dei volumi, un adeguato isolamento termico, un’accurata definizione delle componenti impiantistiche, la scelta di materiali durevoli, la facilità di manutenzione dei diversi componenti l’organismo edilizio, l’utilizzo delle fonti di energia alternative;
– sicurezza e funzionalità degli spazi destinati alle diverse attività;
– equilibrio nelle soluzioni formali del progetto architettonico.

Le dimensioni

La principale esigenza manifestata dall’Amministrazione è stata quella di dotarsi di una ampia palestra dove poter svolgere gare e manifestazioni sportive rivolte al maggior numero di sport possibile; inoltre, volendo utilizzare la struttura anche per attività di tipo scolastico, è stata richiesta la possibilità di suddividere il parterre in due campi di attività di dimensioni tali da poter allestire due campi da pallavolo, divisi da un tendone meccanizzato, dotati di tutte le pertinenze e locali accessori dimensionati in modo da consentire contemporaneamente lo svolgimento di attività motorie a due squadre o scolaresche in maniera autonoma e separata.
Ne deriva un parterre complessivo di 443×23,15 metri, in grado di ospitare in senso longitudinale i campi di pallavolo, pallacanestro e calcio a cinque (mediante le diverse segnature sul pavimento) e in senso trasversale due campi da pallavolo con le relative fasce di rispetto.
Il palazzetto è pensato per ospitare, oltre a gare di carattere locale, anche incontri di livello regionale e nazionale: è pertanto prevista la realizzazione di due tribune perimetrali per il pubblico, una fissa e una retrattile, con una capienza complessiva di 901 posti a sedere.
Per quanto riguarda il dimensionamento della copertura, si è fatto riferimento alla necessità di ottenere le seguenti omologazioni:
– pallavolo per campionato nazionale serie A2 (con deroga per la capienza);
– pallacanestro per campionato nazionale serie A1 – livello base;
– calcio a cinque per campionato nazionale serie A2.
Di conseguenza, l’altezza libera al di sopra del parterre non potrà essere in nessun caso inferiore a 8 metri; il progetto prevede quindi un’altezza netta interna di m 9,16 nel punto più basso dei cassettoni di protezione delle travi di copertura.

 

La distribuzione

L’organizzazione funzionale del nuovo impianto, la cui articolazione assicura le necessarie integrazioni e l’assenza di interferenze, prevede la realizzazione di tre distinti corpi di fabbrica, connessi funzionalmente ma strutturalmente indipendenti:
– un corpo centrale principale, contenente il parterre per lo svolgimento delle attività sportive oltre agli spazi per il pubblico quali tribune, locale di primo soccorso, biglietterie, punto ristoro e magazzino attrezzi;
– un corpo di fabbrica secondario a due piani fuori terra, in aderenza al blocco principale sul lato nordovest, nel quale sono ubicati gli spogliatoi per atleti e per arbitri con i relativi servizi, il locale di primo soccorso e antidoping, un locale per l’accoglienza degli atleti e un locale tecnico (al piano terra); al primo piano, raggiungibile sia dall’area di gioco che direttamente dall’esterno una sala stampa e i locali tecnici;
– un ulteriore fabbricato di dimensioni più ridotte, a un solo piano fuori terra, in aderenza all’edificio principale lato sudest, contenente magazzini attrezzi e quadri elettrici, con una copertura a terrazza che ospiterà le macchine per il trattamento aria.


L’ingresso principale del palazzetto è caratterizzato da un piccolo volume leggermente estroflesso dal prospetto, dove sono ubicati due locali con funzione di biglietteria o di controllo delle entrate; da questo ingresso, riservato al pubblico, si accede direttamente alo spazio dedicato agli spettatori. Lungo il percorso sono collocati i servizi igienici e un piccolo punto ristoro, ricavati negli spazi al di sotto della tribuna fissa.
Quest’ultima, dotata di 601 posti di cui 4 per disabili, è collocata sul lato sudovest; di tipo prefabbricato, sarà supportata da una sottostruttura in carpenteria pesante che renderà disponibile un volume per tutta la sua lunghezza, utilizzabile per una profondità minima di 3,68 metri. ospita 10 gradoni sui quali sono fissate le scocche in plastica numerate.
La tribuna retrattile, sul lato sudest, occupa per motivi di spazio una porzione del campo a cinque e la fascia di rispetto del campo da basket: potrà pertanto essere utilizzata solo per le competizioni di pallavolo, mentre resterà chiusa per gli altri sport.
È costituita da 9 gradoni, e una volta ripiegata occuperà un’impronta di 1,20 m per tuta la sua lunghezza.

La pavimentazione sportiva

L’area destinata al gioco sarà dotata di una pavimentazione sportiva polivalente realizzata in parquet, con struttura idonea all’installazione di pannelli radianti per il riscaldamento.
Il pacchetto di pavimentazione prevede:
– sottostruttura elastica costituita da un materassino continuo, elastico, ad alt conduttività di spessore 5 mm;
– piano ripartitore costituito da multistrato di betulla di spessore 9 mm;
– pavimentazione sportiva costituita da pavimento prefabbricato e preverniciato, in tavole dello spessore di 14 mm fissate alla sottostruttura; le tavole sono composte da una struttura a tre strati ortogonali con incastri formati da linguette e scanalature sia sui lati che sulle testate, per un assemblaggio ottimale;
– strato di calpestio in rovere dello spessore nominale di 4 mm, con 7 strati di vernice acrilica, strato intermedio di spessore 8 mm in lamelle di abete di Svezia unite tra loro meccanicamente con fibre poste perpendicolarmente rispetto ai listoni del piano di calpestio allo scopo di compensare le variazioni dimensionali, e strato di supporto in abete spessore 2 mm.
L’impianto sarà completato con tutte le attrezzature necessarie per lo svolgimento dei tre sport per i quali è predisposto il parterre.