Speciale Padel: Padel4Fun al centro sportivo di Gaggiano

Un circolo padel di prossima apertura, che entrerà nella rete di Padel4Fun fa parte della riqualificazione del Centro Sportivo Bonirola a Gaggiano (Milano).

Pubblicazione cartacea su: Tsport 345
padel gaggiano padel4fun

L’intervento complessivo relativo al centro sportivo di Gaggiano è costituito da tre lotti funzionali:
1- Riqualificazione dell’area ovest con campo scoperto per calcio a 8 / doppio campo calcio a 5, costruzione del corpo spogliatoio annesso e bar;
2- Riqualificazione della fascia al di sopra di via Galvani con la realizzazione di 3 campi da padel e parco limitrofo;
3- Impianto natatorio coperto, con vasca copri/scopri, area spray-park e area a verde limitrofa.

Per motivi dettati dalla pubblica utilità, in accordo con l’Amministrazione Comunale di Gaggiano, la realizzazione del complesso sportivo avviene per tappe secondo l’ordine sopra descritto.
Ad oggi sono stati realizzati i primi due lotti; del lotto n. 3 sono state realizzate solo le opere di urbanizzazione (parcheggi, percorsi pedonali) necessari all’utilizzo del centro sportivo.
I nuovi manufatti edilizi si caratterizzano per un prospetto essenziale in intonaco bianco, giocato su un leggero movimento dei volumi e ampie vetrate. Il corpo piscina e il volume dello spogliatoio calcio sono scanditi da una ritmica di listelli verticali che fungono anche da brise-soleil. Alcuni elementi architettonici sono messi in risalto con una gamma di colori caldi.

Le tematiche affrontate nella definizione del progetto di riqualificazione di questo centro sportivo sono state un utile spunto per la ricerca e la definizione di un’immagine complessiva del centro, con un’alta offerta qualitativa per quanto riguarda i singoli impianti e la riorganizzazione generale dell’intera area.
La soluzione progettuale intende prefigurare un polo di grande respiro, dove l’integrazione tra pratica sportiva, attività ludico-ricreativa trova un equilibrato compendio in un prodotto architettonico qualitativamente elevato.
Tutto ciò nell’ottica di creare le condizioni per una corretta conduzione degli impianti, premessa fondamentale per una gestione sana e duratura nel tempo.
È noto infatti che la problematica gestionale è estremamente delicata, in quanto i costi di esercizio condizionano in larga misura la vita degli impianti.


Non è esagerato affermare che, in molti casi, il vero problema non è tanto il reperimento delle risorse finanziarie per far fronte ai costi di costruzione, quanto la valutazione economica gestionale dell’impianto, che se non corretta può comportare nel tempo la chiusura degli impianti o inficiare negativamente la richiesta stessa di finanziamento (ne abbiamo parlato nelle pagine precedenti).
La soluzione proposta è orientata verso la creazione di una struttura in grado non solo di soddisfare in modo adeguato le esigenze delle locali compagini sportive, ma che si configuri anche come servizio particolarmente qualificante volto ad una utenza più ampia e diversificata, interessata da attività diverse da quella sportiva agonistica.
Il contenimento dei costi di gestione è stato perseguito attraverso il dimensionamento ottimale dei volumi, l’adeguato isolamento termico, l’accurata definizione delle componenti impiantistiche, la scelta di materiali durevoli, la facilità di manutenzione dei diversi componenti dell’organismo edilizio; l’edificio risponde inoltre – e in alcuni aspetti le supera – alle richieste normative energetiche, sia nazionali che locali.

Anche se non dovuto a livello normativo, l’area è stata dotata di un sistema di riutilizzo dell’acqua piovana a scopi irrigui al fine di una corretta manutenzione degli spazi verdi che si considerano necessari e complementari agli spazi sportivi.
Per quanto riguarda in particolare i campi da padel, questi sono stati allestiti sotto una tensostruttura su archi a traliccio metallico; la tipologia è quella del campo panoramico, con manto in erba sintetica fibrillata.